Daniela Spoto ha visto le streghe nei boschi

E vissero tutti felici e contenti. Ma siamo sicuri? E se il sogno d’amore di Cenerentola in realtà si  fosse trasformato  in una prigione fatta di noia e infedeltà?

Sì, il principe l’ha tradita con la moglie del fornaio, così lei lo lascia e si mette proprio con il fornaio, abbandonando il castello e una vita fatta di lusso e apparenze. O almeno è così che gli autori del musical Into the Woods hanno immaginato andassero le cose, perché quello delle fiabe è un mondo oscuro, spesso ricco di insidie e pericoli: attenti a ciò che desiderate, potrebbe avverarsi! Riletto in chiave psicanalitica, freudiana, antropologica e semantica, è un enorme bagaglio comune che continua a fornire stimoli nuovi e spesso inaspettatamente stuzzicanti.

È questo il caso di Daniela Spoto, illustratrice sarda di stanza a Düsseldorf, che nel suo lavoro unisce con grande naturalezza l’immaginario (rivisitato) delle fiabe con un gusto folkloristico, naïf e ricercato al tempo stesso.
Daniela Spoto for @Mancaspazio, 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, Flapping wings, 2020 © Courtesy of the artist

Nelle illustrazioni di Daniela Spoto motivi sgargianti su fondo nero – tipici delle stoffe e dei costumi sardi – incontrano la resa grafica tipica della tecnica xilografica – sia essa di matrice giapponese o europea (le due due convivono armoniosamente) – e i toni morbidi e trasparenti degli acquerelli.

Daniela Spoto, 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, Ominous 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, Slippery 2020 © Courtesy of the artist

Daniela anima il suo lavoro con l’immaginario delle fiabe in tutte le sue declinazioni, da quelle paurose a quelle più giocose. Un immaginario ibrido, sia nei modelli che nelle tecniche, dove digitale e tradizione si incontrano e si rincorrono, spesso impossibile capire dove finisca la matita e dove inizi la tavoletta grafica. Soluzioni più classiche come matite e acquerelli vengono utilizzate per lavori più lirici e articolati, mentre per disegni più ironici e leggeri la preferenza passa a tecniche digitali. Quello che non passa mai in secondo piano però la qualità e la musicalità del suo tratto, morbido e sicuro. I suoi lavori trasmettono sempre una spiccata sensibilità per i materiali: le carte, i colori autunnali e i diversi medium sono scelti e abbinati tra loro con cura e istinto, in una felicissima e delicata galleria di chine, grafite e matite colorate.

“Ho sempre amato Poe e Hoffmann – i racconti gotici, i racconti crudeli, racconti meravigliosi, racconti del terrore, narrazioni favolose che parlano direttamente il linguaggio dell’inconscio: gli specchi; la proiezione del sé; castelli abbandonati; foreste stregate; oggetti sessuali proibiti” – Angela Carter

Daniela Spoto, Delicate 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, Mythical creatures, 2020 © Courtesy of the artist

Che siano selve selvagge e notturne immerse nell’oscurità o eleganti steli disposti su sfondi avorio come in antichi e ordinati erbari, è qui, in questa Terra di Mezzo sospesa tra magia e affetti familiari, che Alice nel Paese delle Meraviglie incontra le Kitsune (spiriti giapponesi dalle sembianze di volpe).

Come nelle fiabe uno dei grandi protagonisti è il bosco, così anche nelle illustrazioni di Daniela Spoto grandissimo rilievo trova il mondo vegetale, che accoglie le sue fanciulle, a volte con fare minaccioso altre volte con carattere accogliente e protettivo.

Daniela Spoto, 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, 2020 © Courtesy of the artist
Daniela Spoto, Mother Earth, 2020 © Courtesy of the artist

Un’immaginazione fervida e rigogliosa nutrita dal mondo dai boschi e della vegetazione spontanea della sua infanzia in Sardegna: «quando ero piccola ero convinta che le streghe abitassero nei boschi». Arazzi medievali, creature scappate dal bestiario di Hieronymus Bosch, figure femminili con fattezze fanciullesche, pronte all’avventura in un mondo magico, pieno di insidie e di stupore: l’illustratrice fa rivivere le atmosfere del folklore dove il favoloso incontra la (sua) quotidianità e i suoi ricordi, costruendo una realtà magica, intima e personale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniela Spoto (@daniela_spoto_)

Correlati

Di Cerere e Proserpina. Cristian Grossi, artista e designer

La germinazione. Il linearismo. La vita. I colori brillanti. C’è tutto questo nelle immagini di Cristian Grossi. Partiamo dalla composizione “Di Cerere …

Melanie de Jong: dipingere la moda in stato di grazia

L’illustratrice trascina l’osservatore in un universo sontuoso e sensuale, dove fantasie mondane e corrispondenze musicali si incontrano in uno spazio onirico animato da donne lievi, raffinate e spontanee

Colpevoli e POP come Nick Öhlo

Avvengono molte cose nelle illustrazioni di Nick Öhlo (Nicolò Tromben), quasi tutte riprovevoli.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook