Nahuel Bardi ha nostalgia del futuro

Un dispettoso cappello di paglia rosso, sfuggito dalle mani di chissà chi e sospinto dal vento caldo dell’estate, attraversa un cielo azzurro immobile, disturbato solo dal frinire delle cicale.

Un ragazzo lo afferra al volo; in cima a una lunga scalinata immersa nel verde lo aspetta la proprietaria del cappello.

Madoka Ayukawa, Kimagure Orange Road. © Izumi Matsumoto
Madoka Ayukawa, Kimagure Orange Road. © Izumi Matsumoto

È l’incipit di Orange Road, il celebre manga di Izumi Matsumoto. In quel cielo c’è la tutto il profumo dei ricordi,  della magia surreale dell’estate e della gioventù, quando tutto può accadere (e a volte accade). Con le illustrazioni di Nahuel Bardi ho sentito esattamente quello stesso profumo.

Makoto Matsushita, Firs Light

Ciò che più stupisce nei tuoi disegni è la luce: una luce fosforica, ossidrica, come una luce perpetua, che viene dai limbi solari…” – lettera di Federico Fellini in risposta a Moebius

I personaggi di Nahuel Bardi si muovono in un’atmosfera che profuma di una primavera perenne (pronta già ad accogliere l’estate), colorata da tinte piatte o con sfumature vettoriali che rimandano alle serigrafie o ai retini dei manga anni ‘80.

Fresh Prince 30th anniversary celebration, Nahuel Bardi © Courtesy of the artist

Nei suoi lavori in un orizzonte alieno De Chirico incontra i codici della grafica anni ‘90 (ricordate la sigla di Bayside School e il  Principe di Bel Air?), prende vita così un universo dove le suggestioni pop della tradizione sposano quelle della modernità, un mondo di architetture impossibili, esotiche e metafisiche, che fanno da palcoscenico a personaggi da fumetto con braccia smisurate e vestiti fluorescenti.

Nahuel Bardi 2018 © Courtesy of the artist
Nahuel Bardi 2018 © Courtesy of the artist
Graphic designer e illustratore italo argentino, Nahuel Bardi riesce a reinventare in maniera brillante e personale diversi immaginari, dando vita a un affascinante orizzonte estetico in cui si incontrano il fascino e la nostalgia per il futuro che avevamo sognato in passato.

Nahuel guarda al mondo della grafica giapponese (ma non solo), della pubblicità e della MTV Generation: i moodboard da nuovo millennio sposano quelli anni ’70 in un fiume carsico di riferimenti che unisce tra loro i toni metafisici del fumetto anni d’autore ‘70 a quelli dell’ondata vaporwave.

Nahuel Bardi 2018 © Courtesy of the artist
Nahuel Bardi 2018 © Courtesy of the artist

Nei suoi lavori rimodella scenari e personaggi in distorsioni personali di colori acidi e contrastanti, desaturati quanto basta per renderli meno aggressivi, ma sempre smaglianti: il fucsia si sposa al verde smeraldo, il viola all’arancione e il giallo al rosa shocking, in un eterno tramonto estivo. In queste cartoline – che sposano l’estetica architettonica e spigolosa della città a quella liquida e mutevole della natura – svettano i suoi personaggi fluo, il cui per stile sembra nascere dalla sintesi tra i cartoon americani anni ’90 (Pepper Ann, Doug e i Rugrats) e i gradienti delle illustrazioni retrofuturiste di Moebius, surreali, affascinanti e ipnotiche.

Tra le sue fonti di ispirazione anche illustratori argentini come Gaston Pacheco, Seba Curi e Sophie Koko Gate, Estampita, Rudo, Lili Des Bellons, Genie Espinosa, Diana Stoyanova, Xoana Herrera.

Nahuel Bardi 2016 © Courtesy of the artist

«Ho sempre amato molto Magritte, Escher, Picasso, Dalì, Goya e De Chirico: quando ero piccolo i miei genitori avevano molti dei loro libri d’arte che amavo sfogliare», racconta Nahuel a proposito delle sue influenze, e tra queste cita anche il cinema italiano: Nanni Moretti, Paolo Sorrentino, Federico Fellini e Pier Paolo Pasolini. E infine, Hokusai e Hiroshige, di cui si nota l’influenza nei suoi lavori più recenti.

Proprio come la musica City-Pop le illustrazioni digitali di Nahuel Bardi attingono a un immaginario vasto e variegato: il Giappone, nel pieno del miracoloso boom economico anni ‘80, guardava al futuro, alle metropoli americane, creando un asse musicale che univa funky, soul, musica elettronica, jazz e suggestioni tropicali. Un pastiche sonoro ed estetico unico, molto rivalutato negli ultimi anni: un sogno di benessere e relax catturano alla perfezione dalle illustrazioni di Hiroshi Nagai, usate – non a caso – spesso e volentieri come copertine per album e compilation City-Pop.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da nahuel (@nahuel.bardi)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da nahuel (@nahuel.bardi)


Giro lo specchietto
e la notte brilla di luci
I suoi colori seducenti su di me
e il mio cuore si perde

Takako Mamiya, Love Trip

Correlati

Di Cerere e Proserpina. Cristian Grossi, artista e designer

La germinazione. Il linearismo. La vita. I colori brillanti. C’è tutto questo nelle immagini di Cristian Grossi. Partiamo dalla composizione “Di Cerere …

Melanie de Jong: dipingere la moda in stato di grazia

L’illustratrice trascina l’osservatore in un universo sontuoso e sensuale, dove fantasie mondane e corrispondenze musicali si incontrano in uno spazio onirico animato da donne lievi, raffinate e spontanee

Daniela Spoto ha visto le streghe nei boschi

L’illustratrice Daniela Spoto disegna creature dal folklore mistico e favoloso costruendo una realtà magica, intima e personale

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook