Sofia Figliè si scioglie nel colore

«Il giallo può esprimere felicità oppure dolore. C’è il rosso della fiamma, il rosso sangue e il rosso delle rose; c’è l’azzurro dell’argento, l’azzurro del cielo e l’azzurro del tuono; ogni colore racchiude in sé un’anima, che mi delizia, mi disgusta o mi stimola». – Emil Nolde

Imprevedibile, fuori controllo e istintivi: sono gli acquerelli liquidi e materici di Sofia Figliè. Sulla carta dei suoi lavori i colori scorrono liquidi e magmatici, con la violenza e l’impeto degli espressionisti tedeschi, come Emil Nolde ed Ernst Ludwig Kirchner.

Marzella, Ernst Ludwig Kirchner, 1910
In the lemon grove. Emil Nolde, 1933

Come nelle opere allucinate del pittore belga James Ensor che tanto ha influenzato proprio gli espressionisti tedeschi – i colori ardenti e appassionati si scontrano e si sporcano con spessi segni neri e cupi, dando forma a illustrazioni di altissima qualità pittorica, grottesche e assurde, con fortissima carica emotiva.

Sofia Figliè 2020 © Courtesy of the artist
Sofia Figliè 2020 © Courtesy of the artist
gruppo musicale che suona. illustrazione retrò di sofia figliè
Alabama Shakes – Sofia Figliè 2020 © Courtesy of the artist

Il segno è scuro, deciso e vitale, i pigmenti scelti e spalmati con irruenza definiscono, con fantasia drammatica e teatrale, lo spazio in cui si muovono i protagonisti di questi mondi sciolti e surreali, deformi. Il caratteristico uso dei colori e la natura irreale dello spazio danno ai suoi lavori un’impronta espressionista che esprime grande istinto e intelligenza pittorica.

Things I miss – Sofia Figliè 2020 © Courtesy of the artist

«Una linea corretta non può ispirare sentimenti elevati. È il nemico del genio, incapace di esprimere passione, ansia, lotta, dolore, entusiasmo, poesia». – James Ensor

Ma Sofia, oltre ai grandi impressionisti tedeschi e agli introversi simbolisti belgi, guarda con attenzione anche anche al folk americano, come quello delle pittrici Clementine Hunter e Grandma Moses, che nelle loro tele hanno immortalato i paesaggi e le storie della provincia rurale americana, segnati dalla violentissima storia dello schiavismo e dalla tradizione popolare.

Sofia Figliè 2109 © Courtesy of the artist
Sofia Figliè 2019 © Courtesy of the artist

 

La Leggenda delle Alpi Apuane, 2019. Acrylic, digital graphics. © Courtesy of the artist

Come nelle opere di queste artiste anche le illustrazioni di Sofia Figliè delineano degli orizzonti in cui gli spazi si fanno surreali, definiti nel dettaglio della loro deformazione liquefatta, brulicanti di persone e quotidianità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sofia Figliè (@sofiafiglie_illustrator)

Correlati

Melanie de Jong: dipingere la moda in stato di grazia

L’illustratrice trascina l’osservatore in un universo sontuoso e sensuale, dove fantasie mondane e corrispondenze musicali si incontrano in uno spazio onirico animato da donne lievi, raffinate e spontanee

Daniela Spoto ha visto le streghe nei boschi

L’illustratrice Daniela Spoto disegna creature dal folklore mistico e favoloso costruendo una realtà magica, intima e personale

Colpevoli e POP come Nick Öhlo

Avvengono molte cose nelle illustrazioni di Nick Öhlo (Nicolò Tromben), quasi tutte riprovevoli.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook