Camilla Falsini, quel mostro di meraviglia colorata

Camilla Falsini è una delle più importanti illustratrici italiane. Pittrice, illustratrice, street artist e scultrice di Roma. I suoi lavori sono popolati di esseri enigmatici e simbolici, sono metafore e archetipi, sono immagini primordiali che raccontano con colori brillanti stati d’animo e sentimenti differenti. Uno stile retrogeometrico che attinge da grandi maestri italiani come Depero e Munari, ma affonda le sue radici nell’iconografia medievale.

All you need is love, cantavano i quattro di Liverpool e con loro tutta una sequela di cantanti, poeti, autori e artisti variegati che d’amore si sono riempiti la bocca (e le tasche). Da crederci dunque che l’immaginario relativo sia piuttosto saturato, fra cuoricini che imperversano perfino sui social, angioletti cupidei di Fiorucci-ana memoria e altre smancerie dal rosa shocking al rosso passione.

immagine della bozza iniziale di LOVE, il progetto grafico di Camilla Falsini con lo studio Kreativehouse
Love concept artwork . 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini

A maggior ragione viene da apprezzare LOVE, il maxi progetto di Camilla Falsini, una delle più importanti illustratrici che abbiamo in Italia, realizzato fra Fidenza e Milano nel 2019 su muri, foulard, vetrine, installazioni e quant’altro. L’iconografia romantica qui si spoglia di cuori e affini per riscoprire la vitalità accesa dei colori, le rifrazioni dei diamanti, l’abbraccio cosmico di arcobaleni e animali immaginifici, il tutto rielaborazione di maestri come Munari, Depero, Sol Le Witt e Robert Indiana.

un mostro rosso e nero
Il rosso e il nero, series of paintings . 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini
l'illustrazione di un mostro minimalista ispirato a depero, a cura di Camilla Falsini
Il rosso e il nero, series of paintings . 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini

D’altronde questo è il pantheon d’ispirazione di Falsini, che proprio in LOVE riassume il suo orizzonte artistico. Nata nel 1975, cresciuta fra i libri di Gianni Rodari illustrati da Bruno Munari e L’Illustrazione dei piccoli con Altan e Mordillo, inizia ben presto a disegnare per riviste per bambini e d’arte, per poi scoprire il mondo della comunicazione e dell’illustrazione più varia. Perennemente sospesa fra illustrazione e arte, appunto, ha esposto ovunque (al Macro, al Madre, in Triennale) e prestato le sue opere ai settori più svariati, dai magazine ai programmi televisivi, dai brand ai progetti di riqualificazione urbana.

il disegno del poster di Camilla Falsini per Tatanka Journal
Venezuela – Tatanka Journal, 2019. © Courtesy of the artist Camilla Falsini

D’altronde è spesso sui muri delle città che si è fatta notare, anche se guai a chiamarla street artist (“il dipingere sui muri è solo una parte del mio lavoro”, precisa). Esploratrice instancabile di quello che è il “campo così ampio e pieno di possibilità” dell’arte visiva, non rinuncia mai a uno stile geometricamente archetipico, che si spoglia del mimetismo per riscoprire le forme essenziali dentro linee rigide e colori uniformi, brillanti, in quello che è una specie di psicocromatismo: ogni cosa è campo di colore, è suggestione.

un'opera di street art di Camilla Falsini
Trasformarsi, 2018. Calcata. © Courtesy of the artist Camilla Falsini
i gatti che camilla falsini ha disegnato per lo shop Miho, design contemporaneo
Cat masks, 2018 © Courtesy of the artist Camilla Falsini for Miho

Nel suo stile retrogeometrico tutto si può trasformare (nulla si distrugge), tutto può essere trasfigurato, sublimato e ricondotto a tratti taglienti, precisi, eppure metaforicamente ambigui (lei stessa racconta che la proposta di un murales fuori da una scuola fu rifiutata perché i genitori – più che i bambini – rimasero spauriti dai suoi animali feroci solo nel segno).

il mini art book che camilla ha disegnato per inchiostro festival
Légami art book Inchiostro Festival. 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini

Per il progetto Monumostri, dal 2016 fra Ravenna e Forlì, i monumenti iconici delle due città sono stati tramutati in mostri aguzzi sfruttando però le loro linee architettoniche di partenza; Le Chimere Impossibili a Milano o I 6 principi del Serendippo a Bologna sono una serie di personaggi-totem, spesso riconfigurazione di animali immaginari, sempre sospesi fra il buffo e l’inquietante, che sbucano nel tessuto della città quando meno ce lo si aspetta, e solo per osservatori ben disposti a guardare con occhi nuovi. Il processo è sempre lo stesso: scomposizione, rielaborazione, ricomposizione. Ma soprattutto evoluzione: “Uno dei temi che mi sono più cari è l’evoluzione della specie”, ha dichiarato di recente ma è chiaro da sempre che la realtà delle forme come le vediamo le stanno decisamente strette.

un disegno di Camilla Falsini con un mostro umanoide a forma di toro. poche campiture di colore, netto e bold.
Taureau. 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini
ll bellissimo disegno di un uomo drago, fatto da camilla falsini
Dragon. 2019 © Courtesy of the artist Camilla Falsini

Lavoro per sottrazione, è lo stesso meccanismo di alcuni giochi per bambini: un cubo di legno può diventare mille cose”, dice lei ma sarebbe un errore associare Camilla Falsini a una specie di infantilismo. Le sue linee pure, i suoi colori sgargianti e totalizzanti hanno una profondità inquieta, una vitalità solare che accende le ombre in chi osserva. Un gioco, sì, ma serissimo visto che anche Freud diceva che “il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale”. Quella della Falsini è una realtà altra, amplificata, forse esasperata, sicuramente propria di un continuum fantasmagorico che va dai Ballets Russes al Dead Moon Circus di Sailor Moon. Tornando al punto di partenza, Di cosa parliamo quando parliamo d’amore si chiedeva Raymond Carver titolando una sua celebre raccolta di racconti: Di cosa parliamo quando parliamo di forma, sembra chiedersi con brillante ossessione Falsini. Di magia. Di follia. Di animalesca e viscerale e incontrollabile vitalità, forse.

Immagine di copertina Eclisse parziale/Eclisse totale, customization of Mimmo Paladino sculpture. Exhibited @Triennale Milano, 2015. © Courtesy of the artist Camilla Falsini

Correlati

Luca Cacciapuoti: anæsthetics

Lo chiamano Arsenyc0, è un artista visivo che viene dal mondo della danza contemporanea. Le sue foto sono impressionanti tableaux vivant

All is full of LOVE

LOVE di Camilla Falsini è un'opera d'arte totale: pareti, foulard, poster in metropolitana, persino una torre. L'illustrazione invade Milano e l'Emilia.

Roy Lichtenstein, punto dopo punto, ha reso POP l’arte

se pensi che i fumetti siano il punto chiave del lavoro di Roy Lichtenstein sei fuori strada.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook