L’ora dorata di Erika Polizzi

«Mio marito amava esplorare i dintorni. A volte scendeva lungo l’Arno, altre volte saliva verso Nord, addentrandosi in collina. La ricca magia paesaggistica dei dintorni di Firenze lo attirava in maniera irresistibile».

Così racconta la moglie di Böcklin, Angela, a proposito del lavoro e dell’ispirazione che il marito ha saputo trarre del paesaggio toscano durante i loro anni di vita in Italia.

Felix Vallotton, Le Ballon,1899. Musee d’Orsay,Paris.
Fellix Vallotton, Intimacies V Money, 1897-8, Musees d’art et d’histoire, Ville de Geneve

Nelle illustrazioni di Erika Polizzi, la vincitrice del concorso This is your moment di Fidenza Village e Fondazione Antonio Ligabue, ho sentito rivivere esattamente questo spirito. In parte per lo stesso orizzonte geografico che li ha accolti, quello della Toscana, ma soprattutto per la malinconia trasognata tipica dei ricordi di viaggio racchiusa nelle sue illustrazioni.
Sono come istantanee scattate nelle ore dorate della giornata, quando tutto sembra assopito, immobile e sospeso.

paesaggio toscano di erika polizzi
Erika Polizzi, Fusioni al tramonto, sul lago di Fiastra (MC), 2020. © Courtesy of the artist
Erika Polizzi. Sacro Riposo – La casa che vivo, 2020. © Courtesy of the artist
Erika Polizzi. Il luogo della mia quarantena – La casa che vivo, 2020. © Courtesy of the artist
Quando Erika mi ha raccontato della sua vita tra Firenze, dove ha frequentato l’Istituto d’arte e l’Accademia di Belle Arti, e Macerata, dove si è trasferita per il master di Ars in fabula, ho avuto la conferma di come i suoi lavori riflettano quella stessa magica atmosfera tipica del taccuino di viaggio.

Come un diario di viaggio.

Il taccuino di viaggio è uno strumento molto caro agli artisti di tutti i tempi che lo hanno utilizzato per i loro appunti, i loro bozzetti e per fissare su carta le loro impressioni, immersi nella natura, in giro per il mondo, alla scoperta di nuovi colori e nuovi paesaggi. È stato un supporto prezioso per molti grandi pittori, da Leonardo a Dürer, da Turner a Géricault, e tuttora è parte fondamentale anche per lavoro di giovani creativi e illustratori.

Erika Polizzi. Giardino dell’Orticoltura © Courtesy of the artist, 2020
Erika Polizzi. .I luoghi che vivo. Villa Ficana © Courtesy of the artist, 2020
Erika Polizzi. Io e il cane © Courtesy of the artist, 2020

Proprio come Erika che nel libricino che porta sempre con sé cattura scorci immersi nel verde intrappolati subito dopo il tramonto – quando la luce calda della giornata ha appena lasciato lo spazio ai toni desaturati della sera che incombe – e stanze bagnate da una luce morbida e calda, o da ombre limpide e fresche.

disegno a matita con donna e cane
Erika Polizzi. Confuso. (Via fontescodella) © Courtesy of the artist, 2020
Erika Polizzi. Sembrava perfetto, poi arrivarono le famiglie © Courtesy of the artist, 2020
Erika Polizzi. Mele ammaccate come te. © Courtesy of the artist, 2020
Questi disegni vengono poi scansionati per la coloritura digitale, procedimento che le permette di provare innumerevoli soluzioni in cerca di quella migliore possibile, con l’eventuale aggiunta di nuovi elementi grafici (come ombre e dettagli non presenti in origine) o di intervenire anche sul disegno stesso quando è al lavoro su progetti più complessi e articolati.

Erika Polizzi – FULMINACCI artwork for “Un fatto tuo personale”. © Courtesy of the artist, 2020

Nelle illustrazioni di Erika Polizzi traspare la sua formazione ibrida, inizialmente orientata verso tecniche più tradizionali (oreficeria, tessitura, grafica, apprese nei laboratori dell’Istituto d’arte) e poi sui linguaggi della grafica: «Mi piace unire tecniche come la xilografia, che comporta anche una fatica fisica, e unirle alla modernità e alle soluzioni del digitale», racconta. Avviene così, come per gli schizzi dei proprio taccuini, che una stampa xilografica venga utilizzata come base per un’illustrazione colorata digitalmente, in un moderna sintesi tra stampa al torchio e tavoletta grafica.

Erika Polizzi. Ecomuseo di Villa Ficana, 2020. © Courtesy of the artist, 2020

Per Erika l’obiettivo dichiarato è quello, attraverso l’uso di nuove tecniche (da sperimentare e unire tra loro in un continuo percorso di formazione), di riuscire a raccontare sé stessa e il proprio mondo. Tra i suoi artisti preferiti l’illustratrice rivela ammirazione e passione per David Hockney, Paul Gauguin e Félix Vallotton: «cerco di conoscerli tramite le loro immagini, guardo alla loro capacità di raccontarsi cosa che, un giorno, vorrei essere in grado di fare anche io».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Erika Polizzi (@erika.polizziart)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Erika Polizzi (@erika.polizziart)

Erika Polizzi, classe 1993, ha frequentato l’Istituto d’Arte e il triennio in Accademia a Firenze, diplomandosi nel 2018. Spinta dalla curiosità rispetto al mondo dell’illustrazione partecipa alla Summer school di Ars in Fabula a Macerata, dove viene a contatto con artisti internazionali come Simone Rea, Roger Olmos e Anna Forlati che la stimolano e la incoraggiano a tentare la selezione al Master Ars in Fabula dove viene ammessa tra i 25 talentuosi illustratori selezionati. Nel 2020 vince il concorso This is your moment indetto dalla Fondazione Ligabue e Fidenza Village.

Correlati

Di Cerere e Proserpina. Cristian Grossi, artista e designer

La germinazione. Il linearismo. La vita. I colori brillanti. C’è tutto questo nelle immagini di Cristian Grossi. Partiamo dalla composizione “Di Cerere …

Melanie de Jong: dipingere la moda in stato di grazia

L’illustratrice trascina l’osservatore in un universo sontuoso e sensuale, dove fantasie mondane e corrispondenze musicali si incontrano in uno spazio onirico animato da donne lievi, raffinate e spontanee

Daniela Spoto ha visto le streghe nei boschi

L’illustratrice Daniela Spoto disegna creature dal folklore mistico e favoloso costruendo una realtà magica, intima e personale

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook