Velenoso, vitale e spregiudicato come Michele Papetti

«Per fare grafica ci vogliono i muscoli!», lo esclama Stefano Tamburini, figura al tempo stesso laterale e centrale del fumetto italiano anni ‘70, che nelle sue opere stravolge la vecchia idea di disegnatore utilizzando fotocopie, colla e forbici.

Con Frigidaire, rivista di cui Tamburini cura contenuti, grafica e progetto editoriale, l’artista firma un vero e proprio manifesto della controcultura italiana degli anni ‘70: innovativo, trasgressivo, creativo, punk.

Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist
Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist

Questo spirito sovversivo e avventuroso ha lasciato il segno e rivive – sotto nuova luce – anche nelle illustrazioni di Michele Papetti, talento dell’illustrazione italiana con uno stile riconoscibile e ricco di carattere.

Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist
Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist
Quello di Papetti è un mondo illustrato che flirta con l’inquietudine e la stravaganza, su cui primeggia sempre una vena ironica tagliente, a volte velenosa. Le sue immagini sono corrosive, vitali e spregiudicate, frutto di una pratica di grande spontaneità e istinto.
Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist
Michele Papetti, Collage paper, 2020 © Courtesy of the artist
Michele Papetti, Collage, 2020 © Courtesy of the artist

Bandite le matite colorate (perché fanno un brutto rumore), ma a parte questo Papetti ama sperimentare tecniche e medium tra i più disparati, il disegno incontra il collage, i colori acrilici quelli spray. Quello che preferisce però sono i pennarelli scarichi.

Michele Papetti, 2019 © Courtesy of the artist

 

Michele Papetti, 2020 © Courtesy of the artist

Per i suoi soggetti saccheggia quello lo circonda, la quotidianità fatta di provincia e icone POP, che siano simboli del capitalismo (i grandi brand) o personaggi iconici del cinema (con Pinhead di Hellraiser che diventa un cactus) e dell’arte con Magritte e Masaccio che diventano spunti per elaborazioni sardoniche delle loro opere simbolo. La danza diventa un bel twerking e la cacciata dal Paradiso terrestre ha come sfondo un Apple store.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michele Papetti (@michelepapetti)

Correlati

Melanie de Jong: dipingere la moda in stato di grazia

L’illustratrice trascina l’osservatore in un universo sontuoso e sensuale, dove fantasie mondane e corrispondenze musicali si incontrano in uno spazio onirico animato da donne lievi, raffinate e spontanee

Daniela Spoto ha visto le streghe nei boschi

L’illustratrice Daniela Spoto disegna creature dal folklore mistico e favoloso costruendo una realtà magica, intima e personale

Colpevoli e POP come Nick Öhlo

Avvengono molte cose nelle illustrazioni di Nick Öhlo (Nicolò Tromben), quasi tutte riprovevoli.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook