La Fille Bertha. La ragazza della Luna non fa mica paura

In quella meraviglia fantasmagorica che è l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, a un certo punto Astolfo, paladino intrepido ma quasi sempre all’ombra degli eroi principali, ha la sua grande occasione quando viene mandato sulla Luna. Dopo aver scoperto che il grande Orlando ha perso il senno (diventando “furioso”, appunto), spetta a lui compiere un viaggio spaziale ante litteram per andare dove finisce tutto ciò che viene smarrito sulla Terra.

Per Ariosto la Luna è proprio questo: un grandioso doppio della nostra dimensione terrestre, con grandiosi palazzi ed enormi ricchezze, una landa fantasiosa in cui è possibile trovare

“le lacrime e i sospiri degli amanti, / l’inutil tempo che si perde a giuoco,/ e l’ozio lungo d’uomini ignoranti”, ma anche i “vani disegni che non han mai loco, / i vani desideri sono tanti (…) ciò che in somma qua giù perdesti mai, / là su salendo ritrovar potrai”.

© Courtesy of the artist

Un’immagine sicuramente suggestiva, la prima che mi è venuta in mente quando ho letto il motto di La Fille Bertha, l’illustratrice sarda ormai nota in tutto il mondo, la cui arte si riassume appunto in “Drawings from the Moon and More”. Disegni lunari, i suoi, figure femminile sognanti, animali cangianti, forme che si esasperano in linee e colori quasi alieni, pieni di pathos, seduzione e sogno.

Al secolo Alessandra Pulixi, la giovane creativa – le cui opere si trovano in Sardegna, a Milano, a Bologna, a Barcellona, negli Stati Uniti – ha declinato la sua arte su qualsiasi supporto: i graffiti dapprima, ma poi anche la carta, gli abiti, le bambole e qualsiasi altro materiale possa dare spazio alle sue forme. Perché la sua peculiarità è proprio questa: essere sempre riconoscibile, mantenere un’identità sempre forte eppure essere sempre diversa, in modo ogni volta differente, estroso, metamorfico.

(No title), © Courtesy of the artist

Bon Bon Arlequin X La Triennale di Milano © Courtesy of the artist

Il segno de La Fille Bertha si riconosce sempre, che sia applicato su un muro o sulla boccetta di uno smalto, che sia libera espressione creativa o interpretazione critica di un brand: volti voluminosi, occhi sognanti, figure che si perdono e trasformano in base all’ambiente che le contiene (Alessandra è laureata in psicologia architettonica, non a caso); e poi i colori, vivaci eppure pastosi, la palette cromatica che guarda alla densità dello spazio siderale così come alla concretezza della terra, senza dimenticare le nuance del momento.

In molti, di fronte alle figure femminili de La Fille Bertha, vedono profili solari, coloratissimi, di vivace seduzione. Ma c’è molto di più, la Luna getta le sue lunghe ombre su queste ragazze stilizzate: a un’osservazione più attenta sono il conturbante incrocio fra una pin up alla Betty Boop e un idolo femminile alla Frida Kahlo, sono la cartoonizzazione di un’identità femminea misteriosa, contemplativa, pensosa. Come il nostro satellite riflette il Sole, queste illustrazioni sono sempre una commistione di luce e oscurità.

È strano come un’espressione artistica apparentemente così accessibile nasconda una dimensione profonda ed effimera, aliena e misterica. La Fille Bertha plasma queste figure astratte e astrali con grande maestria e ce le regala piene di luminose inquietudini. Inquietudini che non fanno paura, però, che ci dicono di mondi e di altrove che in fondo sogniamo un giorno di visitare. Perché, come capisce Astolfo, la follia è rimasta quasi tutta sulla Terra (“gran quantità era in quel luogo”). Non è della ragazza della Luna che dobbiamo aver paura.

Il Nuovo Vocabolario della Moda © Courtesy of the artist
Minnie – Nostalgia © Courtesy of the artist
Forever Lost in the Woods © Courtesy of the artist

 

La Fille Bertha è un’artista e illustratrice italiana che interpreta in modo interessante la street art in chiave glamour. La sua formazione spazia dalla psicologia al disegno e alle arti visive. Partecipa a mostre, progetti di moda, illustrazione e street art in Italia, Europa e Canada. Le sue creazioni sono state esposte alla Triennale di Milano nella mostra “Il nuovo Vocabolario della moda italiana”. Collabora con Eastpak, If Bags, Vogue, Artribune, Kreativehouse, Fashion Illustrated, Urban, Domus, Design Speaking, Quattromani.

Correlati

Punto dopo punto, Lichtenstein ha reso POP l’arte

se pensi che i fumetti siano il punto chiave del lavoro di Roy Lichtenstein sei fuori strada.

Sneaker art: Francesco Poroli, Johnny Cobalto, Cinzia Zenocchini

Quelli à la page le chiamano sneaker, sono le care vecchie scarpe da ginnastica che una volta erano considerate il taboo della moda (bruttine, comode ma sfigate) oggi sono state ripensate dai grandi designer per i fashion brand e sono diventate oggetto di culto, collezionate, adorate e personalizzate. Tre grandi artisti le personalizzano in una spettacolare live performance a Fidenza Village

Jun Cen è l'artista cinese dell'anno

Mondi drammatici e instabili, pieni di silenzi e poesia, la poesia cruda e innocente di un bambino intrappolato nel futuro. Le illustrazioni di Jun Cen si aprono su un universo solitario e gentile, delicato, pieno di nostalgia.

This is KreativeHouse

Questa è kreativehouse: siamo storyteller, seguiamo progetti di fashion, arte e il noprofit. Il nostro lavoro è farci venire buone idee. Uno studio creativo specializzato nel marketing e nel design delle strategie per la comunicazione.

Kreativehouse è uno studio di comunicazione e consulenza strategica nato nel 2005 a Fidenza, un paesino della provincia emiliana, perché le idee originali vengono dalla provincia. Aiutiamo i nostri partner a comunicare con il loro pubblico e a definire la propria identità, online e offline.

Facebook