ART ICONS

ART ICONS, le leggende dell’Arte, riunite in una mostra evento unica nel suo genere per vivere e capire (senza preconcetti) l’Arte Contemporanea.

Perché la foto di Leonardo Di Caprio che mangia una banana è un’opera d’arte? Perché un palloncino da clown può valere anche 50.000.000 di dollari? Perché una zucca a pois è diventata l’ossessione di Louis Vuitton? Cosa ci fanno dei fiori in stile manga in una chiesa del Cinquecento, nel cuore dell’Emilia?

Queste sono solo alcune delle domande a cui risponde la mostra “ART ICONS: le leggende dell’Arte Contemporanea” a Fidenza dal 23 settembre al 31 gennaio 2024.

Più di 60 opere dei più grandi nomi dell’Arte Contemporanea, insieme in una mostra evento unica nel suo genere. Jeff Koons, David LaChapelle, Yayoi Kusama, Takashi Murakami, Damien Hirst, Kaws, Blek le Rat fino a Banksy e TvBoy. Un viaggio dalla Pop Art al Nuovo Futurismo, dalla Street Art alla Flat Art, toccando scultura, fotografia, illustrazione e le nuove frontiere dell’arte digitale come gli NFT.

In mostra anche una rarissima opera di Banksy realizzata in sostegno dell’Ucraina, mai esposta prima d’ora.

Art Icons: le leggende dell’arte contemporanea unisce le grandi superstar dell’arte accanto ad artisti ispirati dalla loro eredità. Insieme dipingono un’immagine unica del panorama dell’Arte mondiale degli ultimi 50 anni.

Una mostra per abbattere i preconcetti e capire l’arte contemporanea – ART ICONS permette di capire l’Arte Contemporanea e vedere il mondo che ci circonda con occhi diversi. Per vivere un’esperienza multisensoriale che annulla le distanze, abbatte barriere e preconcetti, per non dire più “potevo farlo anch’io” ma aprirsi finalmente all’emozione totale dell’Arte alla portata di tutti, senza filtri.

Spesso spiritosa e perspicace è capace di commentare la cultura popolare reinventando la società, l’Arte è una chiave di lettura del mondo in cui viviamo, ci spinge a tornare a meravigliarci, offrendo spunti di riflessione inaspettati, trasformando il quotidiano in straordinario.

Le creazioni di questi artisti di fama planetaria sono vere e proprie icone perché sono entrate in modo indelebile nell’immaginario comune come il lanciatore di fiori di Banksy, come le zucche a pois della Kusama o i fiori superpop di Murakami.

Una location insolita e suggestiva – a Fidenza si incontrano per la prima volta artisti leggendari nello scenario fuori dal comune di due palazzi storici: la chiesa di San Michele che riapre straordinariamente al pubblico dopo molti anni e il OF Orsoline Fidenza che invece è già un polo culturale attivo della città.

Una sfida espositiva unica nel suo genere che mette in dialogo architetture storiche e pezzi inconfondibili dell’Arte Contemporanea internazionale, opere leggendarie come le farfalle di Damien Hirst, le fotografie di David LaChapelle, le provocazioni spray di TVBoy o la coloratissima toy art da collezione di Bearbrick e Kaws.

“Questa è una mostra spudoratamente audace in un contesto mozzafiato. E tutto questo non succede a Milano o Roma, ma nel cuore dell’Emilia. Perché è proprio qui, nella provincia italiana più autentica che si coltiva la creatività”.

Una sfida e un obiettivo che possiamo raccogliere anche grazie al sostegno straordinario di Fondazione Cariparma che si conferma attenta ai progetti che vengono e nascono nel territorio. Un messaggio deciso quello del Sindaco di Fidenza e Presidente della Provincia Andrea Massari – “Fidenza è il luogo ideale per far crescere nuove idee. È nella nostra storia, siamo da sempre un luogo di passaggio, aperto al mondo, la porta della via Francigena che con la sua Cattedrale è candidata a patrimonio UNESCO. Oggi come ieri raccogliamo questi stimoli e diamo loro vita. Solo qui riescono a convivere perfettamente aziende creative di ultima generazione e storiche botteghe artigiane, fashion brand e luxury destination di portata internazionale e turismo slow e sostenibile”.

Una mostra che quindi è l’espressione di un territorio che sogna e pensa in grande, un nuovo modo di far dialogare creatività local, tradizione e sistema dell’Arte mondiale.

Una Mostra proveniente dalle collezioni Deodato Arte, sotto la supervisione e curatela di Luca Bravo. Tutti gli artisti hanno saputo attingere dal passato e dalla tradizione mescolandola ai linguaggi della contemporaneità: succede con Jeff Koons e David LaChapelle, considerati a modo loro eredi di Andy Warhol, succede con Marco Lodola che si è definito nuovo futurista ispirandosi a Fortunato Depero, succede per Kusama e Murakami che hanno portato l’immaginario della tradizione giapponese nel vortice colorato della cultura pop. È questa visione postmoderna che li accomuna all’anima antica e al tempo stesso contemporanea di Fidenza.

“Inoltre c’è un’opera di Banksy mai esposta prima d’ora” aggiunge il curatore.

In occasione della mostra ART ICONS a Fidenza è esposta per la prima volta in assoluto l’opera su cartone rifinita a mano “AGILE” di Banksy, realizzata per raccogliere fondi in aiuto delle popolazioni ucraine vittime della guerra.  Insieme a questa, le sue opere più iconiche, “Love is in the Air” e la “Girl with balloon”.

Nel 1957, l’artista Richard Hamilton ha definito l’arte pop come “Popolare, transitoria, low-cost, prodotta in serie, giovane, spiritosa, sexy, ingannevole, affascinante, business”. È ancora così? Inoltre, chicca della mostra, verranno esposte anche tre opere del francese Blek le Rat, considerato il “papà di Banksy” perché negli anni ‘80 ha anticipato il misterioso artista di Bristol riempiendo i muri Parigi di ratti dipinti a spray ed è oggi considerato uno dei precursori della stencil art.”

Art Icons è un viaggio nell’arte che può continuare a Fidenza Village, uno degli 11 Villaggi di ‘The Bicester Collection’ nel mondo. Un vero museo a cielo aperto grazie alle innumerevoli installazioni artistiche ed i murales realizzati dai più noti esponenti della street art internazionale. Dal portale d’ingresso decorato in stile “tribal pop” dall’artista francese Camille Walala, ai murales “anamorfici” di Peeta, che sembrano muovere le due torri del Villaggio, ai due Moai del duo artistico Urbansolid, ispirati ai giganti dell’isola di Pasqua, alla scultura di Fidia Falaschetti la cui opera “Egoji” accoglie i visitatori all’ingresso del Villaggio, stimolando ad un dialogo continuo tra individuo e opera.


Mostra “ART ICONS Le leggende dell’Arte Contemporanea”
Dal 23 settembre 2023 al 31 gennaio 2024
Palazzo OF / Chiesa di San Michele

In mostra Jeff Koons, David LaChapelle, Yayoi Kusama, Takashi Murakami, Damien Hirst, Banksy, Kaws, TvBoy, Blek le rat, Bearbrick, Marco Lodola, Mr. Savethewall, Angelo Accardi, Daniele Fortuna, Tomoko Nagao.

La mostra è organizzata dal Comune di Fidenza, con il contributo di Fondazione Cariparma, Gas Sales Energia e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Camera di Commercio dell’Emilia, ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo e Destinazione Turistica Emilia. Media Partner: Fidenza Village.

ORARI E APERTURA

Dal mercoledì alla domenica, dalle 10.00 alle 19.00
Aperta anche 9 ottobre, 1 novembre, 8 dicembre dalle 10:00 alle 19:00.
Previste aperture speciali anche il 25, 26 e 31 dicembre.
www.articonsfidenza.it

COME ARRIVARE

ART ICONS. Chiesa San Michele, via Berenini 135, 43036 Fidenza (Parma)
In treno, la mostra è facilmente raggiungibile dalla stazione di Fidenza (circa 5 min a piedi)
In autobus TEP, dal piazzale della stazione di Parma.

VISITE GUIDATE

Il sabato e la domenica visite guidate alla mostra con il curatore solo su prenotazione. Sabato ore 15.00 e ore 17.00 Domenica ore 17.00
È possibile prenotare via email all’indirizzo iat.fidenza@terrediverdi.it oppure presentarsi all’ingresso del museo fino a esaurimento posti.

PRENOTAZIONE GRUPPI

Per informazioni e prenotazioni iat.fidenza@terrediverdi.it
Prenotazioni gruppi: 0524 83377 IAT Fidenza
è possibile richiedere la visita guidata

PRENOTAZIONE SCUOLE

iat.fidenza@terrediverdi.it
è possibile richiedere una visita guidata speciale

La mostra è organizzata dal Comune di Fidenza, con il contributo di Fondazione Cariparma, Gas Sales Energia e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Camera di Commercio dell’Emilia, ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo e Destinazione Turistica Emilia.

A cura di Luca Bravo in collaborazione con la Galleria Deodato Arte.
Progetto Allestimento: Studiodelboca&PARTNERS
Allestimento: Way spa
Light Design: Cavazzoni Associati
Coordinamento: Delinea

UFFICIO STAMPA

Artemide PR
Stefania Bertelli – stefania.bertelli@artemidepr.it
Mob. +39 3396193818

Correlati

Perché Sebastião Salgado è uno dei più bravi fotografi al mondo

Nel cuore pulsante di Ravenna, dove tra le antiche mura echeggia ancora il sussurro della storia, si é aperta una finestra sul …

CREATIVE ACADEMY

Il MAR di Ravenna si afferma come fulcro dell'innovazione culturale con la Creative Academy, un programma di eventi unico dedicato alle avanguardie della comunicazione creativa. Aperti a tutti, questi incontri esplorano il futuro della narrazione digitale, l'intelligenza artificiale, le ultime tendenze dei social network e le strategie efficaci per la gestione di community culturali e turistiche. Partecipa ai nostri quattro workshop gratuiti per imparare dai pionieri culturali e dai professionisti del settore come costruire comunità digitali di successo, anticipare e applicare i nuovi trend di comunicazione, e trasformare le visioni artistiche in case history di successo mondiale. Scopri di più sulla nostra serie di eventi al MAR di Ravenna e unisciti a noi per plasmare il futuro della comunicazione culturale.

Elogio del cattivo gusto: Gillo Dorfles e l'estetica del Kitsch

Mercoledì 22 novembre alle ore 18.00 Fidenza ospita un evento culturale di altissimo livello, una conferenza ispirata alle riflessioni sul kitsch di …

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook