Contemporary San Donnino. La creatività nasce dal folklore

Perché dieci illustratori tra i più famosi al mondo celebrano il mito del Santo con la testa in mano?

Una bizzarra mostra di illustrazione che coinvolge 10 artisti di fama internazionale per riscoprire il santo decapitato San Donnino, mito fondativo della città di Fidenza. Il mito del Santo decapitato patrono della città è al centro di un’esposizione che coinvolge alcuni degli illustratori più geniali della scena internazionale. Jeremy Combot, Ale Giorgini, Martoz, Elisa Seitzinger, Nick Ohlo, Fernando Cobelo, Elisa Macellari, La Fille Bertha, Gio Pastori, Camilla Falsini.

Il tema del Santo cefaloforo (portatore della propria testa tagliata) viene probabilmente dall’Asia Minore e nel Medioevo ha avuto molto successo in Europa. I santi che portano la testa sono centinaia. La leggenda di San Donnino però è unica e contiene un elemento di probabile derivazione celtica, che non è frequente nei racconti riguardanti altri santi decollati: il martire decapitato guada un torrente (lo Stirone) e, in seguito, diventa protettore di coloro che attraversano i ponti.

San Donnino visto dal fashion illustrator contemporaneo Jeremy Combot
San Donnino di Fidenza © Jeremy Combot courtesy of the artist, 2022
Jared Leto in gucci somiglia all'iconografia di San Donnino
Jared Leto in Gucci at MET Gala

Là dove il Santo viene seppellito verrà costruita una delle Cattedrali più belle dell’Emilia e nella sua cripta il corpo di San Donnino è ancora oggi conservato in una bara d’argento e oggetto di venerazione da parte dei fedeli.

Ma perché una mostra di questo tipo?

“Perchè in un mondo di Netflix e Marvel, di racconti piatti e in serie, le fiabe, le leggende locali, le storie che ci raccontava la nonna prima di andare a letto, sono sempre più preziose. Sono le nostre tradizioni ad alimentare le storie nuove. È per questo che la vera creatività viene dalla provincia” racconta Matteo Martignoni copywriter dello studio Kreativehouse che proprio qui a Fidenza da più di 15 anni collabora con artisti di tutto il mondo.

“Per me è una sfida. Chiedere a un fashion illustrator francese di disegnare il nostro San Donnino. Chiedere ad Ale Giorgini che è di Vicenza, chiedere a Elisa Macellari che nelle sue illustrazioni ci mette tutta la sua anima mezzo perugina e mezzo tailanddese, di raccontare a modo suo una leggenda medievale che viene qui da casa mia. 

san donnino punk visto da nicolò tromben in arte nickohlo
San Donnino di Fidenza © Nick Ohlo, courtesy of the artist, 2022
elisa seitzinger è specializzata in santi
San Donnino di Fidenza © Elisa Seitzinger courtesy of the artist, 2022
san donnino ridisegnato dall'artista martoz
San Donnino di Fidenza © Martoz courtesy of the artist, 2022

Ogni volta che in questi anni abbiamo ospitato un grande artista internazionale. Io l’ho portato a vedere il Duomo, gli ho fatto mangiare un piatto di tortelli. Perché questa è la mia storia e lui si porta a casa una briciola di quello che ha visto qui e lo farà crescere in un altro progetto. Non sai mai dove va a finire una storia, la creatività è fatta così.”

Una sede espositiva speciale – Il Palazzo Ex Licei di Fidenza si prepara ad una trasformazione importante, diventerà sede di un hub creativo per nuovi talenti e aziende del territorio e sarà il centro della nuova “Piazza svelata” riprogettata con i contributi del PNRR. Questa mostra testimonia un momento di trasformazione e passaggio, vuole essere una testimonianza di impegno e un manifesto creativo per il futuro della città.

 

CONTEMPORARY SAN DONNINO / CREATIVISSIMA
dal 7 ottobre al 30 novembre, Palazzo Ex Licei Fidenza
Realizzata da Kreativehouse

ORARI MOSTRA
inaugurazione giovedì 6 ottobre
7 ottobre 10-20
8 ottobre 10-22
9 ottobre 10-20

aperta dal giovedì alla domenica
giovedì 10-13
venerdì 10-13
sabato 10-20
domenica 15-19

PRENOTAZIONE SCUOLE
Le scuole di design e arti applicate sono benvenute, per loro sono organizzate visite guidate speciali, su prenotazione, con approfondimenti tematici sul lavoro del creativo in tutte le sue forme. Scrivere a m.martignoni@kreativehouse.it

Gli artisti esposti

Camilla Falsini

Camilla Falsini è una pittrice, illustratrice e streetartist di Roma. I suoi lavori sono popolati di esseri enigmatici e simbolici, sono metafore e archetipi, sono immagini primordiali che raccontano con colori brillanti stati d’animo e sentimenti differenti. Uno stile retrogeometrico che attinge da grandi maestri italiani come Depero e Munari, ma affonda le sue radici nell’iconografia medievale. 

Martoz

Fumettista e street artist. Ha pubblicato “Terranera” per Feltrinelli. Ha collaborato con La Repubblica, Internazionale, Artribune, Bomba Dischi e Linus. E’ nella rosa di “Fumetti nei Musei”, il progetto del MiC che racconta i musei italiani. Nel 2019 ha vinto il Premio Gran Guinigi di Lucca Comics come miglior disegnatore. Nel 2022 ha realizzato il fumetto scientifico “Erwyn e la pulce fotonica” per l’Università Autonoma di Barcellona, disponibile online sul sito di Civiltà delle Macchine. Insegna alla Scuola Internazionale di Comics di Milano.

Jeremy Combot

Jeremy Combot è un fashion illustrator francese, il suo lavoro riguarda principalmente il mondo della moda, i suoi personaggi sono figure femminili dalla personalità forte. Il suo stile è una miscela esplosiva di colori folli, cultura pop, supermodel e nostalgia 80-90. Il personalissimo San Donnino di Jeremy è ispirato all’indimenticabile look Gucci di Jared Leto al Met Gala.

Elisa Seitzinger

Testa piena di bestiari medioevali, reliquie sghembe, martiri tatuate, lezioni di catechismo seguite dall’ultimo banco. Elisa Seitzinger vive a Torino, dove lavora come illustratrice. Ha studiato Illustrazione e Storia dell’Arte a Firenze, Atlanta, Nizza e Londra. Il suo stile è fortemente influenzato dell’arte medievale sacra e cortese, della pittura primitiva, delle icone russe e dei mosaici bizantini. Nel 2018 ha vinto l’Illustri Award ed è stata selezionata per l’Annual exhibition della society of Illustrators di New York.

Ale Giorgini

Con il suo stile “geometrico retrò” Ale Giorgini è uno degli illustratori italiani più conosciuti al mondo. Ha lavorato per Armani, Jeep, Puma, adidas, Warner Bros, Disney, Amazon, Barilla e le sue illustrazioni sono apparse su Hollywood Reporter, The Boston Globe, Chicago Magazine, Wired. Ha partecipato a mostre in tutto il mondo: Tokyo, New York, Zurigo, Vienna, Parigi, San Francisco, Los Angeles, Melbourne, Annecy, Manchester. Ha vinto il Good Design Award del Chicago Museum of Design (2017).

Fernando Cobelo

Illustratore venezuelano che lavora con metafore visive e immagini essenziali. Ha lavorato con clienti come il New York Times, Le Nazioni Unite, Google, La Repubblica, Disney, Penguin / Random House, il Washington Post, Vanity Fair, TED, Samsung, Zanichelli, Montblanc, Lavazza, WIRED, Netflix e Barilla. Inoltre, i suoi lavori sono stati riconosciuti dalla Society of Illustrators di New York, Autori di Immagini, l’Association of Illustrators del Regno Unito, American Illustration, e altre importanti istituzioni legate al mondo dell’illustrazione.

Elisa Macellari

Elisa Macellari è un’illustratrice italo-thailandese nata e cresciuta a Perugia. Elisa ama gli animali selvaggi, la giungla, le creature misteriose. Dopo la laurea in computer grafica all’Accademia di Belle Arti di Perugia, si trasferisce prima a Torino e poi a Milano. È illustratrice freelance per diverse case editrici e riviste tra cui Mondadori, Feltrinelli, Giunti, Zanichelli, Cancer World, Donna Moderna. Ha pubblicato due graphic novel “Papaya Salad” per BAO Publishing e “Kusama” per Centauria.

La fille Bertha

Alessandra Maria Pulixi, in arte La Fille Bertha disegna su muri, tele, carta, digitale, tessuti, legno, stampa). Le sue opere sono state esposte alla Triennale di Milano e al Maxxi di Roma. Ha preso parte a numerose mostre collettive e personali e i suoi lavori sono stati esposte in Italia, Europa, Stati Uniti, Canada, Cina. Ha collaborato con: Lancôme, Marni, Red Valentino, Elle Decor, i Blues, Moleskine, Melissa, Kreativehouse, Eastpak, Fondazione Umberto Veronesi, Fidenza Village, La Triennale di Milano.

Nick Ohlo

Nick Öhlo (aka Nicolò Tromben) è un giovane creativo vicentino con base a Marsiglia, Francia. Nonostante abbia una formazione come designer industriale e grafico editoriale, la sua più grande passione è l’illustrazione. Ha avuto la fortuna di viaggiare molto, ama la natura e gli animali. Il suo mondo visivo è divertente e irriverente, mescola elementi della cultura pop anni ‘90 con colori e tratto assolutamente contemporaneo. Uno stile personalissimo che diventa il filtro magico con cui vede il mondo ed esprime un’anima punk, ma sempre gioiosa e sensibile.

Gio Pastori

Gio Pastori vive e lavora come Visual Artist a Milano. Crea contenuti visivi dalla forte sintesi formale e cromatica, muovendosi tra collage analogici e tecniche digitali. Collabora trasversalmente con diverse realtà, dall’editoria alla moda, dalla scenografia all‘animazione fino alla musica.

Ufficio Stampa

Stefania Bertelli
Media Relationship Manager
Tel. +39 3396193818
stefania.bertelli@artemidepr.it
www.artemidepr.it

Correlati

#BiennaledelMosaico: Ravenna ospita il primo TikTok Day dedicato al mosaico antico e contemporaneo

Il 29 e 30 novembre la Biennale del Mosaico sbarca su TikTok: protagonisti i racconti dei giovani talenti dell’Accademia di Belle Arti …

Creativissima, storia di una casa creativa in Emilia

In mostra la moda, il design, tutti i progetti e le illustrazioni di Kreativehouse, il duo creativo che dalla provincia emiliana ha raggiunto milioni di persone in tutto il mondo con messaggi emozionanti.

Lucio Fontana: in mostra a Parma con più di 50 capolavori di valore inestimabile

Composta di circa cinquanta opere, la mostra si tiene alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione Magnani-Rocca a Mamiano di Traversetolo presso …

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook