Le tele tagliate di Lucio Fontana hanno davvero rivoluzionato la Storia dell’Arte. Alla faccia di chi dice ancora “Potevo farlo anche io”

La cosa più cretina che si può dire davanti a un’opera di Fontana è “Lo potevo fare anche io”. E allora perché non lo hai fatto e invece hai un lavoro noioso e nel fine settimana dipingi acquerelli brutti? Ma soprattutto chi se ne frega se potevi fare un taglio nella tela: Fontana lo ha fatto prima di te, Fontana lo ha fatto al momento giusto, Fontana lo ha fatto per esprimere una sua idea potentissima che ha cambiato la Storia dell’Arte, per sempre.
Dai, adesso fallo tu.

I buchi e i tagli di Fontana sono i luoghi attraverso i quali passa la luce e attraverso la luce vediamo l’infinito, il cosmo. Uno stratagemma per rompere l’incantesimo della prospettiva, la finzione della tela. La buca per dimostrare che ci sono altre dimensioni e che d’ora in avanti chi vuole fare Arte ne deve tenere conto. 

«Noi pensiamo di svincolare l’arte dalla materia. È impossibile che l’uomo dalla tela, dal bronzo, dal gesso, dalla plastilina non passi alla pura immagine aerea, universale, sospesa» 

C’è un motivo se i tagli di Fontana si chiamano tutti “Concetto spaziale. Attese” perché ogni taglio viene dopo una meditazione dell’artista, ma anche perché noi spettatori rimaniamo sospesi lì davanti a uno squarcio su un’altra dimensione, ci aspettiamo qualcosa che ancora non sappiamo immaginare.

Molto prima degli NFT, molto prima del metaverso e della realtà aumentata lui si era già immaginato un mondo in cui l’arte seguiva le scoperte estreme della scienza. Progettava trasmissioni televisive sperimentali, sculture fatte di neon, installazioni alla “luce nera” con vernici fosforescenti. 

«…con le risorse della tecnica moderna  faremo apparire nel cielo forme artificiali, arcobaleni di meraviglia scritte luminose…» 

Il taglio è il monolite nero di 2001 Odissea nello spazio, l’allarme cosmico è lanciato e noi terrestri possiamo solo aspettare e vedere cosa arriverà. Il futuro sta per colare dentro alla stanza.

“Lucio Fontana – Autoritratto” alla Fondazione Magnani-Rocca. Foto Tommaso Crepaldi – Kreativehouse
“Lucio Fontana – Autoritratto” alla Fondazione Magnani-Rocca. Foto Tommaso Crepaldi – Kreativehouse
“Lucio Fontana – Autoritratto” alla Fondazione Magnani-Rocca. Foto Tommaso Crepaldi – Kreativehouse
“Lucio Fontana – Autoritratto” alla Fondazione Magnani-Rocca. Foto Tommaso Crepaldi – Kreativehouse

Correlati

Sembra incredibile ma la Moda Italiana non è sempre esistita

Prima delle sfilate, prima della Settimana della Moda, prima di Gianni Versace e di Gucci, prima del Made in Italy c’è stato …

Prodigy Kid: come la leggenda del Mostro di Ravenna è diventata una mostra di Arte contemporanea

L’8 di marzo del 1512 a Ravenna succede un fatto prodigioso. Viene alla luce un bambino che ha la testa enorme, un corno in fronte e una bocca esagerata. Una delle due gambe ha un occhio nel ginocchio, mentre l’altra è pelosa come la zampa del diavolo. Sul petto, tre lettere: Y X V. Tutto il mondo lo conoscerà come il Mostro di Ravenna.

A Ravenna c’è la Biennale del Mosaico Contemporaneo ed è veramente incredibile

Fra cucchiaini per il gelato, falli colorati composti da murrine di vetro delicatissime, mosaici anamorfici e e una cascata di bicchieri di plastica, la Biennale del Mosaico di Ravenna torna a stupire.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook