Sneaker art: Francesco Poroli, Johnny Cobalto, Cinzia Zenocchini

Negli anni ’80 il lusso era avere tutti la stessa cosa, lo stesso marchio, lo stesso oggetto. Macchine, borse, t-shirt erano uno status symbol, da riconoscere, tutte inesorabilmente identiche. Stessa cosa valeva per le scarpe, immacolate, intonse, mortalmente noiose. Quel mondo lì è morto. Per i millennial non c’è niente di più normale che comprare una scarpa di una supermarca e colorarla a piacimento per distinguersi dalla massa, essere unici, non replicabili.

Quelli à la page le chiamano sneaker, sono le care vecchie scarpe da ginnastica che una volta erano considerate il taboo della moda (bruttine, comode ma sfigate) oggi sono state ripensate dai grandi designer per i fashion brand e sono diventate oggetto di culto, collezionate, adorate e personalizzate.

 

Il futuro è questo: gli artisti diventano designer, scendono dal piedistallo e si mettono al tuo fianco per illustrare le scarpe che hai appena scelto. È come farsi un tatuaggio solo che non ci metti la tua pelle, ma il tuo nuovo paio di sneaker. Il risultato è un’opera d’arte assolutamente unica.

Per tre sabati consecutivi tre illustratori vip incontrano il pubblico di Fidenza Village per una performance di live customisation. Il 16 giugno Cinzia Zenocchini, il 23 giugno Johnny Cobalto, il 30 giugno Francesco Poroli.

Per l’occasione Cinzia, Johnny e Francesco hanno anche disegnato un gioiello da scarpa in tiratura limitata per decorare i lacci delle sneaker e renderle ancora più uniche.

Cinzia Zenocchini vive e lavora a Milano. E’ un’artista poliedrica: illustratrice, graphic designer, letterer e visual storyteller. Quando disegna il suo obiettivo è catturare quello che le sta intorno e trasferire quello che sente in un semplice tratto per questo spesso ricorre a tecniche e materiali “old school” come l’acquerello, i pennelli, i pastelli o la china che riescono a trasformare semplici oggetti in storie fuori dal comune, divertenti, stilose. Cinzia Zenocchini ha collaborato con Armani, Valentino, Fendi, Prada Journal, Feltrinelli, Coca-Cola, Shiseido, Donna Moderna, Moleskine, Mondadori, Ferrero, Kérastase, Ethimo, IO Donna.

Johnny Cobalto è un artista milanese, classe 1988. Lavora nella grafica pubblicitaria e nuove tecnologie per l’arte, si alterna nella produzione di video (musicali, moda, istituzionali, fiction) e di illustrazioni/grafiche collaborando con diverse agenzie in Italia e all’estero. Ha partecipato e partecipa a diverse collettive di illustrazione in territorio nazionale e internazionale. È vicino alla scoperta del segreto per condurre una vita serena; nel mentre si rilassa. Johnny ha collaborato con Wired, GQ Spain, MiAmi Festival della musica indipendente di Milano, Vans, BASE, If Bags, Eastpack.

Francesco Poroli è un illustratore e art director di Milano. Considerato un guru dalle più importanti testate quotidiane e periodiche italiane e non solo (tra le sue collaborazioni, anche quella con il New York Times Magazine) è spesso ospite come speaker e docente in Domus Academy, allo IED di Milano, in NABA e alle Accademie di Belle Arti di Roma e Perugia. Lavora per alcuni dei più prestigiosi marchi di editoria e sportswear del mondo: The New York Times Magazine, Wired, GQ, Style – Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, La Repubblica, Panorama. Adidas, Google, Reebok, NBA, Greenpeace, Red Bull, Unicredit, McDonald’s. Tra le sue ultime “fatiche” una biografia illustrata della leggenda del basket Kobe Bryant.

Correlati

Le Vetrine dei Talenti

Gio Pastori, La Fille Berta, Ale Giorgini. Tre talenti assoluti per una performance che esplode in mezzo alle persone, vive tra gli oggetti di tutti i giorni, si mescola alle immagini delle vetrine, di youtube, della tv. È grande, è la nuova Arte POP.

Roy Lichtenstein e la POP Art americana

Kreativehouse è orgogliosa di presentare una retrospettiva dedicata ad uno dei più grandi artisti del XX secolo: Roy Lichtenstein. Il genio della …

Pasini è l'Oriente.

In mostra alla Fondazione Magnani-Rocca. Quella di Pasini è una storia che contiene altre storie, dipinti come diari di viaggio, orizzonti immaginifici in cui lo spettatore può abbandonarsi. Una mostra che racconta l'Oriente di fascino e mistero, di paesaggi sconfinati e odalische, di suggestive rovine, di terre lontane, di meraviglie ed esotiche bizzarrie.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook