La pasta Barilla è una vera opera d’arte

«Grani D’Autore: dalla semina al raccolto del grano duro Barilla» è il nuovo progetto artistico con cui Barilla racconta la sua pasta fatta con grano 100% italiano. Undici illustratori Irene Rinaldi, Giulia Conoscenti, Andrea Boatta, Celina Elmi, Emiliano Ponzi, Ale Giorgini, Massimiliano di Lauro, Alessandro Baronciani, Francesco Poroli, Elisa Seitzinger, Cristian Grossi hanno raccontato con la loro arte un viaggio tra i valori Barilla, l’interpretazione artistica del suo Manifesto del Grano Duro che fa del rispetto dell’ambiente, dell’innovazione, della qualità, ma anche della collaborazione, i suoi principi guida.

Undici opere che raffigurano lo skyline delle nostre città, i nostri campi di grano sotto il cielo azzurro illuminato del sole, i contadini e le contadine che con il loro lavoro ci regalano una pasta speciale: sono le protagoniste di Grani D’Autore: dalla semina al raccolto del grano duro Barilla: il nuovo progetto artistico con cui l’azienda racconta la sua pasta fatta con **grano duro selezionato 100% Italiano **frutto di una filiera agricola sostenibile e responsabile.

Ogni opera è stata realizzata da un artista che ne ha interpretato uno dei dieci valori fondanti.

«Il grano è alla base della nostra storia e lo sarà nel nostro futuro», ha detto Paolo Barilla, Vicepresidente del Gruppo. «Per noi non è solo un ingrediente, ma un elemento molto più prezioso. Essere vicini al mondo dell’arte aggiunge bellezza a qualcosa che ci è molto caro. Grazie a tutti gli artisti che ci hanno dedicato le loro emozioni per raccontarlo».

Di Cerere e Proserpina, Ver Sacrum digitale. Grani d’Autore Barilla – Cristian Grossi © Courtesy of the artist and Barilla, 2021

LE MOSTRELe opere saranno visibili ad aprile in una mostra open air allestita alla Biblioteca degli Alberi in Piazza Gae Aulenti a Milano: sarà un’anteprima delle illustrazioni che introdurrà all’esposizione che sarà inaugurata – appena la pandemia lo consentirà – in Triennale a Milano. Sarà curata da Maria Vittoria Baravelli, e racconterà la strada di Barilla per arrivare alla pasta fatta con Grano Duro 100% italiano attraverso un percorso immersivo ed esperenziale: un percorso tra cieli azzurri e spighe di grano che consentirà ai visitatori di scoprire i valori del Manifesto, il legame con il territorio e i suoi abitanti. Clou della mostra sarà un’Area Experience: una grande struttura in tessuto blu, riproduzione di una scatola di Pasta, dove si potrà vivere un’esperienza audiovisiva unica che restituisce la memoria del grano duro con un gioco di specchi.

Intanto possiamo avere un assaggio cliccando sul sito Barilla **barilla.it/granidautore: **ci sono tutte le opere, i pensieri degli artisti legati ai temi del manifesto e presto sarà possibile partecipare a un tour guidato virtuale all’interno dell’Impluvium, in Triennale Milano, visionando le illustrazioni nella loro forma originale, statica e in quella animata. Inoltre, fino al 28 marzo, su barilla.it/concorso-granidautore è anche possibile partecipare a un nuovo concorso per vincere uno dei 100 kit di Grani D’Autore composto da una bag, un poster, un set di cartoline e un’agenda con le illustrazioni degli artisti. Basta rispondere alle domande sul progetto Grani d’Autore, dalla semina al raccolto. Per seguire le novità sulla mostra cliccate su barilla.it/granidautore.

Correlati

Sembra incredibile ma la Moda Italiana non è sempre esistita

Prima delle sfilate, prima della Settimana della Moda, prima di Gianni Versace e di Gucci, prima del Made in Italy c’è stato …

Prodigy Kid: come la leggenda del Mostro di Ravenna è diventata una mostra di Arte contemporanea

L’8 di marzo del 1512 a Ravenna succede un fatto prodigioso. Viene alla luce un bambino che ha la testa enorme, un corno in fronte e una bocca esagerata. Una delle due gambe ha un occhio nel ginocchio, mentre l’altra è pelosa come la zampa del diavolo. Sul petto, tre lettere: Y X V. Tutto il mondo lo conoscerà come il Mostro di Ravenna.

A Ravenna c’è la Biennale del Mosaico Contemporaneo ed è veramente incredibile

Fra cucchiaini per il gelato, falli colorati composti da murrine di vetro delicatissime, mosaici anamorfici e e una cascata di bicchieri di plastica, la Biennale del Mosaico di Ravenna torna a stupire.

This is KreativeHouse

We are creative. We solve problems through creativity and marketing processes. We campaign great contents that address cultural and social issues. We are into art, fashion and nonprofit.

Facebook